Notizie

immagine Ricarica la tua energia. Vinci uno smartwatch

Ricarica la tua energia. Vinci uno smartwatch

Prenota on line una o più confezioni di Supradyn Ricarica e Supradyn Ricarica 50+. Al momento del ritiro del tuo ordine in farmacia conserva lo scontrino. Invia un sms al 3666012185 con i dati dello scontrino e scopri subito se hai vinto uno Smartwatch Garmin. Hai tempo fino al 20 giugno. 

SUPRADYN RICARICA PUO' AIUTARE IL TUO CORPO A RITROVARE LA SUA ENERGIA 

Supradyn Ricarica è un integratore alimentare di 13 vitamine e 9 minerali tra cui Vitamina B1, B2, B5 e niacina ad alto dosaggio, in quantità pari al 300% del valore nutritivo di riferimento.
Supradyn Ricarica 50+ è un integratore alimentare di 12 vitamine e 9 minerali con polifenoli di origine naturale, sostanze con alto potere antiossidante che contribuiscono alla protezione dei lipidi del sangue dallo stress ossidativo. 

Gli integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

Le referenze che partecipano al concorso sono quelle elencate a seguire. Clicca qui per conoscere i dettagli del concorso. 

Vuoi rimanere sempre informato sulle nostre offerte? Iscriviti alla nostra newsletter!

immagine  Gambe pesanti? -30% su Centellase

Gambe pesanti? -30% su Centellase

Prenota on line una o più confezioni di Centellase® 30 compresse e/o Centellase® Vitalgambe e ricevi subito uno sconto del 30% sul tuo ordine. Le referenze in offerta sono solo quelle elencate a seguire. Offerta valida fino a esaurimento scorte. 

Centellase® è un medicinale a base di Centella Asiatica. Leggere attentamente il 
foglio illustrativo.
Chiedi sempre consiglio prima di assumere farmaci.

Centellase® Vitalgambe è una CremaGel a base di principi attivi naturali come la Centella asiatica e il Ginkgo biloba che aiutano ad alleviare il senso di pesantezza e di affaticamento di gambe e caviglie.
Scopri di più su Centellase Vitalgambe

Vuoi rimanere sempre informato sulle nostre offerte? Iscriviti alla nostra newsletter!

immagine Contro dolore cure 'fai da te' per 1 paziente su 2

Contro dolore cure 'fai da te' per 1 paziente su 2

In linea di principio, riconoscono nel medico di medicina generale la figura di riferimento per la cura del dolore (91%) ma, alla prova dei fatti, gli italiani decidono in autonomia e ricorrono all'automedicazione (53%) o, piu' di rado, chiedono consiglio in farmacia (20%).

Nei confronti dei farmaci oppiacei, cresce la fiducia degli addetti ai lavori e l'interesse dei pazienti eppure, ogni 10 analgesici prescritti, 1 solo e' oppioide mentre 7 sono antinfiammatori non steroidei (FANS), anche per dolori cronici e terapie protratte nel tempo. E', in sintesi, la fotografia scattata da un'indagine condotta da Doxa per conto del Centro Studi Mundipharma su un triplice target, allo scopo di sondare i rispettivi approcci al trattamento antalgico: 500 pazienti (25-64 anni) che hanno utilizzato medicinali antidolorifici negli ultimi 6 mesi, 100 medici di famiglia e 100 farmacisti di tutta Italia. Dal dire al fare, un divario da colmare.

Potrebbe essere questa la formula che riassume il quadro articolato e, in parte, contraddittorio dipinto dalla survey. Entrando nel dettaglio della ricerca, si scopre che il 30% dei pazienti visitati dai medici di famiglia nell'ultimo mese lamenta dolore; nel 66% dei casi, si tratta di una forma cronica. Circa 8 clinici su 10 effettuano personalmente la diagnosi e la prescrizione della terapia ma il fenomeno dell'autocura - confermato anche dai farmacisti - assume dimensioni eclatanti: il 73% dei malati non si rivolge ad alcun medico. Gli analgesici piu' impiegati? Sempre e comunque FANS: li assume il 95% dei pazienti, li prescrive il generalista al 72% dei suoi assistiti, anche in caso di dolore cronico (1 volta su 2). Per limitare gli effetti collaterali degli antinfiammatori, riferiti dal 20% dei pazienti, si ricorre poi molto spesso ai gastroprotettori, con un evidente aggravio di costi per il SSN. Gli oppioidi, al contrario, compaiono solo nell'11% delle ricette firmate dal medico di famiglia: all'origine vi sono probabili deficit conoscitivi e una scarsa confidenza con queste opzioni terapeutiche, come dimostra il fatto che il 22% dei generalisti intervistati ammetta di non conoscere o non ricordare alcun marchio di farmaco oppiaceo presente sul mercato.

Pesano pero' anche le resistenze dei pazienti: un ostruzionismo che il curante, forse per mancanza di solide basi, non se la sente di affrontare. Il timore che gli analgesici oppioidi possano indurre dipendenza spaventa il 65% dei malati, il 61% li considera per malattie gravi e il 53% crede che la legge ne consenta l'uso solo in casi particolari. ''L'indagine Doxa evidenzia un uso improprio di analgesici per la gestione del dolore cronico, nonostante a molti siano noti i gravi effetti collaterali che i FANS possono creare, se impiegati per lungo tempo'', dichiara Massimo Allegri, Dirigente Medico Terapia del Dolore, Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo e Universita' di Pavia. ''Recenti dati di letteratura mostrano che l'uso protratto di antinfiammatori possa causare non solo danni gastrici ma anche problemi cardiovascolari.

E' fondamentale che gli oppioidi vengano considerati un valido strumento per la terapia del dolore cronico moderato-severo. I pazienti a volte pensano possano dare dipendenza. In realta', le evidenze scientifiche dimostrano che, nei soggetti trattati con oppiacei a scopo antalgico, non sembrano attivarsi le medesime aree cerebrali coinvolte nei meccanismi della dipendenza''.

(Fonte: SaluteOggi - ASCA.it)

immagine Dermatologi, le rughe? Si combattono a tavola

Dermatologi, le rughe? Si combattono a tavola

Insalata di zucchine, straccetti di pollo, bollito misto al wasabi, pasta di farro alla mentuccia? Non sono solo succulenti ricette ma vere e proprie panacee contro l'invecchiamento della pelle. Lo afferma la riedizione del libro ''A tavola non si invecchia'' edito da Giunti e a firma di Pucci Romano e Gabriella Fabbrocini in collaborazione con Lorella Cuccarini.

Sempre piu' donne, soprattutto le giovanissime, ricorrono ad ''aiutini'' per cercare di vincere o comunque di ritardare la corsa contro il tempo della loro pelle. Del resto il settore dell'estetica medica e chirurgica non conosce crisi neppure... di questi tempi. Sono in vertiginoso aumento le donne europee che, oltre a creme supercostose, si concedono trattamenti estetici, lifting, filler.

Ma e' proprio necessario ricorrere a questi trattamenti artificiali per mantenere la pelle elastica e luminosa quando in realta' basterebbe seguire alcuni accorgimenti di carattere alimentare? Infatti, si sa, siamo quello che mangiamo ed e' importante dunque, soprattutto nel periodo estivo, iniziare a prediligere gli alimenti che oltre ad aiutarci a mantenerci in forma servono a conservare una pelle giovane e soprattutto sana. Esporci al sole incondizionatamente provoca alla nostra pelle uno stress eccessivo e un invecchiamento precoce secondo quanto dichiara Gabriella Fabbrocini, Docente di dermatologia e venereologia presso l'Universita' di Napoli Federico II: ''L'invecchiamento solare provoca elastosi solare, ossia uno sconvolgimento delle fibre elastiche, collagene e reticolari con conseguente perdita di tono e accentuazione delle terribili rughe''.

Ma, spiega la dermatologa, ''l'invecchiamento della pelle e' imputabile ai radicali liberi, che colpiscono le strutture piu' interne delle cellule danneggiandole e procurando uno stress, cioe' una rottura dell'equilibro all'interno di esse e questo comporta il rilassamento e la formazione delle rughe''. ''L'esposizione prolungata ai raggi solari e' un esempio di stress ossidativo che si compie ai danni della pelle, insieme al fumo di sigarette allo stress psicologico al consumo di alcol a una dieta ricca di grassi animali e all'abuso di farmaci. ''Una delle mosse strategiche per ritardare l'invecchiamento cutaneo e' un'alimentazione ricca di Vitamine A, vitamina E, nonche' minerali come zinco, potassio, selenio e molecole come flavonoidi e carotenoidi veri e propri paladini della giovinezza.

Tutte sostanze - evidenzia l'esperta - che ci permettono di mantenere una perfetta funzionalita' cellulare per proteggere dalle reazioni di ossidazione a catena innescate dai radicali liberi. Non dimentichiamo inoltre che il nostro corpo e' composto per i 2/3 di acqua, fondamentale dunque bere molto. Il consumo e la combinazione di alcuni di essi la scelta della modalita' di cottura, la quantita' degli alimenti consumati possono rappresentare una vera e propria strategia anti aging''.

(Fonte: SaluteOggi - ASCA.it)

immagine Per la salute... del portafogli!

Per la salute... del portafogli!

I nostri lettori più smart sicuramente già sanno come risparmiare online... Ma come farlo senza perdere tempo? E soprattutto come riuscirci offline, continuando a fare shopping nei supermercati e in altri negozi “fisici”? La risposta è scontomaggio.com: il portale della spesa intelligente. ScontOmaggio aiuta ogni giorno decine di migliaia di persone a risparmiare concretamente, pubblicando in tempo reale le promozioni su ogni categoria di prodotto e segnalando i punti vendita aderenti alle iniziative. Provate a visitare dal vostro smartphone o dal vostro computer il sito www.scontomaggio.com: troverete una rassegna completa delle operazioni che regalano buoni sconto, coupon, tester e che permettono di ricevere buoni spesa, rimborsi in denaro, campioni, gadget o di partecipare a sondaggi retribuiti. Tutte piccole attività che, praticate quotidianamente, possono, tuttavia, aiutare a riempire il proprio “porcellino”. ScontOmaggio mette anche a disposizione l'ebook "Come risparmiare il 50% sulla spesa con i buoni sconto" scaricabile gratuitamente registrandosi alla newsletter. Per scaricare la guida: http://www.scontomaggio.com/guida

immagine Fumo: sigaretta elettronica, 'tanto vapore per nulla?'

Fumo: sigaretta elettronica, 'tanto vapore per nulla?'

Sono questi i tratti del consumatore abituale di sigarette elettroniche in Italia. A tratteggiarli, una ricerca condotta dall'associazione I-Think dal titolo ''Tanto vapore per nulla? Il punto sulla sigaretta elettronica'', nella quale vengono presi in rassegna i principali studi scientifici, le disposizioni normative e i numeri relativi alla diffusione della e-cig in Italia e nel mondo. Una ricerca che intende stimolare il dibattito e offrire il proprio contributo verso un percorso normativo che regolamenti la crescente diffusione delle sigarette elettroniche nate in Cina nel 2003 e distribuite in Europa a partire dal 2006.

In Italia, secondo l'ANaFe, l'Associazione nazionale fumo elettronico, i fumatori di sigarette elettroniche sono circa un milione, per lo piu' giovani, che ricorrono alla e-cig in media 9 volte al giorno. E il loro numero e' in costante crescita: nel 2010, infatti, sono state vendute 750 mila sigarette elettroniche, per poi passare a un totale di 2,5 milioni nel 2011 e a 3,5 milioni nel 2012. Numeri sui quali ha influito anche la maggiore convenienza economica: per un fumatore medio la spesa annuale e' di 350 euro per le e-cig contro i 1.460 euro per le sigarette tradizionali. In pochi anni si e' cosi' sviluppato un nuovo mercato che conta oggi 1.500 punti vendita (entro la fine del 2013 potrebbero diventare 4 mila), un fatturato che nel solo 2012 ha raggiunto i 350 milioni di euro. Un settore che, tra strutture commerciali e produzione diretta, da' lavoro a 4 mila persone. Mentre a livello globale, il mercato della sigaretta elettronica raggiunge il miliardo e mezzo di euro.

Tra nicotina e aromi, secondo un'indagine Doxa-ISS-Istituto Mario Negri, i consumatori di sigarette elettroniche, sia abituali che occasionali, preferiscono in netta prevalenza le e-cig a base di nicotina (il 69,1% dei fumatori occasionali, il 93% di quelli abituali). Mentre sugli effetti che la e-cig ha avuto in Italia sul consumo di sigarette convenzionali, il 44,4% dei consumatori ha diminuito leggermente il numero di sigarette fumate, il 22,9% lo ha diminuito drasticamente, il 22,1% non ha modificato il proprio comportamento e il 10,6% ha smesso del tutto.

Dati che confermano l'urgenza di approfondire gli effetti sulla salute della sigaretta elettronica e la sua validita' come terapia per smettere di fumare. Questi i nodi della ricerca condotta da I-Think, che prende in rassegna le diverse posizioni assunte a livello internazionale sia dal punto di vista scientifico che normativo, non ancora concordanti nell'assimilare le e-cig a un prodotto farmaceutico o a un prodotto del tabacco. Una situazione delicata e complessa che nasce dall'assenza di trial clinici controllati, indipendenti e di grandi dimensioni, relativi agli effetti sul lungo termine delle sigarette elettroniche.

In particolare, dal punto di vista scientifico in Italia, sono stati condotti diversi studi e altri sono attualmente in via di svolgimento, tra i quali quelli dell'Universita' di Catania e dell'Istituto Europeo di Oncologia sull'uso della sigaretta elettronica per la disassuefazione. Mentre, per quanto riguarda il mercato, nel nostro paese e' totalmente liberalizzato, con obbligo del marchio CE con pericolosita' riconosciuta solo per le sigarette contenenti nicotina e divieto per i minori di diciotto anni - pertanto nelle scuole - oltre a essere sconsigliate alle donne in gravidanza e a quelle che allattano.

Da qui la necessita', secondo I-Think, di predisporre una proposta di legge ad hoc che promuova trial clinici, rigidi standard di produzione, distribuzione e di informazione, lotta al contrabbando, controllo sulle strategie pubblicitarie, divieto per i minori e sensibilizzazione sui corretti stili di vita.

(Fonte: SaluteOggi - ASCA.it)

immagine In Italia triplicati gli attacchi di panico. E' la crisi

In Italia triplicati gli attacchi di panico. E' la crisi

Paura di non arrivare a fine mese perche' le entrate sono diminuite, talvolta si e' perso il lavoro e la famiglia deve comunque continuare a vivere. E' la sindrome della quarta settimana, che per moltissimi permane da almeno tre anni, e che ha causato l'insorgere di disagi psicologici molto gravi come gli attacchi di panico.
''In questi ultimi tre anni il numero delle persone che hanno chiesto aiuto per attacchi di ansia e panico e depressione e' triplicato - afferma Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, Presidente Eurodap, Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico - ci chiamano giovani, mogli per i mariti che hanno perso il lavoro, donne e uomini che vivono una precarieta' lavorativa e hanno famiglia e mutuo da pagare. Persone impaurite, senza piu' speranze. Hanno cominciato a soffrire di crisi di ansia per arrivare alla paura, agli attacchi di panico''.
''Si comincia con l'insonnia - aggiunge l'esperta anche responsabile dell'UIAP, Unita' Italiana attacchi di Panico presso la Clinica Paideia di Roma - si va avanti con il possibile aumento della pressione arteriosa; poi arrivano le gastriti. La situazione peggiora, comincia la tachicardia sia diurna sia notturna. Il giorno si vive con l'ansia sempre piu' presente. I pensieri allarmanti aumentano, le preoccupazioni tolgono la capacita' di socializzare. Si pensa sempre e solo ai problemi, alle difficolta' economiche. Si crede di poter tenere sotto controllo tutto e poi un giorno arriva il primo attacco di panico che somiglia al preludio della morte, o alla paura d'impazzire''.
''Bisogna intervenire prima che arrivi il panico - spiega la Vinciguerra - Un malato di panico pesa in maniera prepotente su tutta la famiglia gia' in gravi difficolta' economiche. Il panico blocca, non si riesce piu' a vivere e i familiari allarmati non possono fare nulla per risolvere tale situazione''. ''Un malato di panico - aggiunge l'esperta- non ha energia per tentare nuove strade, non ha la possibilita' di essere di supporto alla sua famiglia per risolvere i problemi economici, anzi diviene esso stesso un problema.
Aiutate chi vi sta accanto, riconoscendo i primi disturbi della sfera psicologica senza sottovalutarli, e' indispensabile imparare a gestire i primi segnali dell'ansia, purtroppo il tempo tende a peggiorare la patologia, dobbiamo intervenire il prima possibile ''.

(Fonte: SaluteOggi - ASCA.it)